Ottava Meraviglia del mondo: scoperte le Terrazze bianche e rosa della Nuova Zelanda

Annunciata la scoperta dell'ottava Meraviglia del mondo. Le Terrazze bianche e rosa in Nuova Zelanda sarebbero state individuate da un team di ricercatori sulle rive del lago Rotomahana. Ora servono nuovi finanziamenti per portare finalmente alla luce l'ottava Meraviglia del mondo.

0
139
Scoperta l'ottava Meraviglia del mondo, le Terrazze bianche e rosa della Nuova Zelanda
White Terraces, 1882, Auckland, by Charles Blomfield. Gift of Sir Guy Berry, South Africa, 1960. Te Papa (1960-0003-2)

La lista canonica delle 7 Meraviglie del mondo che hanno affascinato intere generazioni per la loro bellezza, potrebbe essere aggiornata con una nuova e splendida scoperta. L’Ottava Meraviglia del mondo sarebbe stata ritrovata in Nuova Zelanda. È quanto sostiene una coppia di ricercatori, Rex Brunn e Sascha Nolden. Pare che abbiano individuato l’esatta collocazione delle famose Terrazze bianche e rosa della Nuova Zelanda, un paesaggio caratterizzato da piscine naturali, incastrate fra terrazze di silice da cui scendono acque termali. Questo sito che è stata meta dei viaggi di migliaia di turisti durante il periodo vittoriano, poi scomparso a seguito dell’eruzione vulcanica del 1886, potrebbe essere riportato presto alla luce.

Ottava Meraviglia del mondo prima del 1886

Cosa sono le Terrazze bianche e rosa in Nuova Zelanda

L’importante sito naturale, prima del rovinoso evento eruttivo del 1886, si presentava come l’attrazione turistica più famosa della regione Rotorua. Le Terrazze bianche, chiamate Te Tarata (ossia “la roccia tatuata”), avevano alla base una serie di bacini di acqua fredda collegati fra di loro, tanto da versarsi l’uno nell’altro.

In cima si trovava un geyser che occasionalmente lanciava un getto d’acqua altissimo, capace di raggiungere i 150 piedi. Sulla riva opposta del lago, invece, vi erano le magnifiche Terrazze rosa, denominate Otukapuarangi che nel linguaggio Maori significa “fontana del cielo nuvoloso”.

Ottava Meraviglia del mondo dopo il 1886

Eruzione del vulcano

Le strepitose terrazze di silice scintillante, il più grande deposito al mondo di silice, attiravano migliaia di turisti, specialmente durante il periodo vittoriano ma nel 1886 accadde un evento disastroso. Nel mese di giugno, il vicino Monte Tarawera eruttò, uccidendo 150 maori e seppellendo le famose terrazze sotto pile di cenere e macerie.

LEGGI ANCHE: VIAGGIO AD AARHUS E PAFOS CAPITALI EUROPEE DELLA CULTURA 2017

Scoperta dell’ottava Meraviglia del Mondo

I diari di Ferdinand von Hochstetter

La ricerca delle famose Terrazze bianche e rosa dura ormai da anni. Già qualche anno fa, gli scienziati della Geological and Nuclear Sciences della Nuova Zelanda, annunciarono di aver trovato i resti del sito, salvo poi smentirlo a cinque anni di distanza.

La ricerca nel 2011 faceva ricorso anche all’utilizzo di un sottomarino per studiare il fondale del lago ma dopo anni, gli studiosi hanno dichiarato di essere giunti alla “conclusione inevitabile” che le terrazze erano state distrutte. La notizia della nuova scoperta dell’ottava Meraviglia del mondo, si scontra con gli ultimi studi, secondo i quali le terrazze sarebbero state relegate in fondo al lago Rotomahana.

Per Max Brunn e Sascha Nolden, invece, sarebbero sepolte sulle rive del lago, in una posizione che ne renderebbe possibile il ripristino. Si troverebbero a 10 metri sotto la superficie del terreno ma accanto al lago. Nell’esatta ubicazione, si è rivelato fondamentale lo studio degli appunti del geologo e cartografo tedesco-austriaco Ferdinand von Hochstetter, il quale aveva esaminato la regione nel 1859.

Nuove ricerche per l’Ottava Meraviglia del mondo

Il team di ricercatori spera ora di poter condurre un’indagine archeologica per riportare alla luce le terrazze ma le ricerche richiedono circa $ 50.000 di finanziamenti.

Riproduzione riservata

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Accetto i Termini e le Condizioni sulla Privacy Policy